ServiziMenu principaleHome
Home > In evidenza > Invito del Presidente AIOM

Invito del Presidente AIOM

Gentili Associati,

il 2020 è stato un anno in cui ci siamo trovati a contrastare un nemico inatteso che ha modificato non solo i nostri comportamenti, i rapporti interpersonali e tutto quanto eravamo abituati a gestire nella nostra vita quotidiana, ma anche la nostra attività lavorativa.

L’arrivo di un virus sconosciuto ha impattato in modo radicale sulle nostre emozioni, sulla paura di ognuno di noi di ammalarsi, sulla paura dei nostri pazienti, spesso vicina al terrore, sull’ansia che la gestione dei pazienti affetti dal virus ha creato in quanti di noi hanno avuto il compito di gestire direttamente la problematica.

L’arrivo del virus ha impattato sui sistemi sanitari che sono spesso giunti al limite del collasso con il rischio di lasciare indietro prestazioni fondamentali per le persone che, non affette dal virus, avevano comunque delle problematiche sanitarie irrisolte. Il blocco degli screening potrà avere un impatto sulla salute dei cittadini che potrebbe essere, a lungo termine, superiore al danno diretto provocato dal visus. I ritardi nelle procedure diagnostiche e negli interventi chirurgici, nonché la necessità di rinviare, fosse anche solo per il distanziamento sociale, visite di follow up e, quello che è peggio, trattamenti attivi, potranno comportare danni nei risultati di sopravvivenza rischiando di inficiare tutti i benefici che derivavano dalle maggiori conoscenze e dai risultati della ricerca, che ci hanno fornito farmaci di maggiore efficacia e possibilità di nuove strategie terapeutiche.

Occorre, a questo punto, ripartire a pieno regime e il 2021 dovrà essere l’anno della ripresa.

Quello che possiamo aver imparato dall’esperienza COVID è la necessità di una maggiore gestione globale del paziente oncologico, la necessità di una maggiore collaborazione con il territorio non solo in termini di follow up ma anche in termini di gestione delle malattie croniche.

Vogliamo, per questo motivo, dare una impronta al XXIII Congresso Nazionale AIOM, che si svolgerà a Roma dal 22 al 24 ottobre 2021, che riporti alla necessità di un lavoro unitario sulle problematiche oncologiche. Il titolo del Congresso sarà “Per una Oncologia di VALORE, dalla prevenzione al trattamento”. Simbolo del Congresso è uno scudo, che dobbiamo porre a tutela di tutti i cittadini, e che integra nel suo insieme tutti gli aspetti della moderna Oncologia: prevenzione, diagnosi accurata, selezione dei pazienti su basi molecolari solide, disponibilità di strategie terapeutiche multidisciplinari, disponibilità di nuovi e più efficaci trattamenti, gestione delle fasi terminali di malattia. I sostenitori di questo scudo dovranno essere tutti gli attori coinvolti nel problema oncologico, oncologi, chirurghi, patologi, radiologi, radioterapisti, specialisti d’organo, medici di medicina generale, uniti in una squadra che dia un VALORE aggiunto ad ogni nostro atto di battaglia contro il cancro.

Speriamo che il prossimo anno possa vederci nuovamente insieme, in presenza, per scambiarci le nostre esperienze, i nostri suggerimenti, i nostri gesti di sostegno, la nostra integrazione non solo professionale ma anche emotiva.

Vi aspettiamo TUTTI a Roma al XXIII Congresso Nazionale AIOM.

 

Giordano Beretta
Presidente AIOM 2019-2021