ServiziMenu principaleHome
Home > INFORMAZIONI > AIOMNEWS > QUADERNO > AIOM INCONTRA AIFA. L’ONCOLOGIA MODERNA: UNO SLALOM TRA REGOLE E ASPETTATIVE

AIOM INCONTRA AIFA. L’ONCOLOGIA MODERNA: UNO SLALOM TRA REGOLE E ASPETTATIVE

 “AIOM incontra AIFA. L’Oncologia moderna: uno slalom tra le regole e le aspettative” ha caratterizzato la seconda giornata del congresso. L’incontro moderato dal Presidente e dal Presidente Eletto di AIOM ha visto come ospite il dott. Nicola Magrini, direttore generale dell’Agenzia Italiana del Farmaco, che al termine dell’evento ha annunciato l’istituzione, a breve, di due sottogruppi per oncologi ed ematologi a supporto del CTS dell’ente regolatorio. La sessione ha visto l’utilizzo di Kant, Schopenhauer e Ulisse come metafore per rappresentare i complessi rapporti tra clinici, pazienti, istituzioni e industria del farmaco.

Il primo intervento “Kant, i porcospini e l’oncologia moderna” del dott. Magrini, ha utilizzato il filosofo tedesco come rappresentazione dell’etica in oncologia e la figura dei porcospini, invece, per rappresentare i possibili pericoli circa le distanze che dovrebbero esserci tra i medici e l’industria del farmaco. Il dottor Magrini ha sottolineato l’importanza della fiducia nel sistema e nella relazione medico-paziente e come si potrebbe considerare la possibilità che il servizio sanitario nazionale contribuisca a sostenere gli studi clinici randomizzati.

Ulisse è stato invece la metafora utilizzata dal Presidente di Fondazione AIOM, Giordano Beretta nella sua relazione “Fatti non foste a viver come bruti ma per seguir virtute e canoscenza” (Canto XXVI dell'Inferno di Dante), che ha sottolineato l’importanza delle Linee Guida “Come Ulisse anche noi spesso viaggiamo verso l’ignoto e dobbiamo affrontare molte peripezie - ha commentato Beretta -. Anche noi dobbiamo stare attenti ai Canti delle Sirene. Ma per nostra fortuna abbiamo uno strumento fondamentale che ci deve guidare nelle nostre scelte: le linee guida.” È stata poi la volta di Rosanna D’Antona, presidente di Europa Donna Italia, che ha tenuto un intervento sull’innovazione e l’accesso alle cure.

“L’AIFA è un interlocutore molto importante per AIOM, nel corso degli ultimi due anni ci sono state interazioni ma sono mancati i momenti di confronto come quello di oggi che è stato proficuo e positivo. Il Direttore di AIFA ha preso degli impegni rispetto ad un maggiore coinvolgimento degli oncologi nelle sottocommissioni che supportano il lavoro della CTS e tracciato delle linee guida che dovrebbero informare l’operato dell’agenzia nel supportare la sperimentazione indipendente, fondamentale in oncologia. Mi auguro come Presidente eletto di AIOM che alcune delle promesse si possano realizzare e altre possano segnare lo sviluppo delle relazioni con l’agenzia nei prossimi mesi” – ha commentato Franco Perrone, Presidente Eletto AIOM.