ServiziMenu principaleHome
Home > VIRTUAL MEETING > Newsletter congressuali > Daily News Numero 2 – 31 ottobre 2020 > COVID-19, L’IMPEGNO DI AIOM PER I PAZIENTI ONCOLOGICI

COVID-19, L’IMPEGNO DI AIOM PER I PAZIENTI ONCOLOGICI

All’articolo di apertura di “Daily News Congresso 2020” del 30 ottobre abbiamo dato il titolo: “Forte l’impatto della pandemia, ma nessun paziente è rimasto indietro”.

Un titolo giornalistico, con cui non abbiamo certamente sottostimato le difficoltà e i problemi che la pandemia ha causato e sta determinando nell’assistenza ai pazienti oncologici.

Come spiegato nell’articolo e come già evidenziato da AIOM in conferenze stampa organizzate in questi mesi, la situazione di emergenza, nella prima ondata della pandemia, ha costretto a rinviare le visite di controllo, le terapie anticancro non urgenti e gli screening. Sono stati posticipati anche gli interventi chirurgici più complessi, perché le terapie intensive erano impegnate nell’assistenza dei malati gravi contagiati dal coronavirus. AIOM ha più volte sottolineato che è prioritario continuare a garantire la cura ottimale di patologie come i tumori che, per gravità, non possono essere poste in secondo piano rispetto all’epidemia da Covid-19.

L’articolo mette in luce l’impegno della Società scientifica, che ha redatto Raccomandazioni per la tutela dei pazienti fragili, e delle oncologie, che fin dall’inizio della pandemia, hanno rimodulato la loro attività per rispondere alle esigenze di tutti i malati.

È in questo sforzo continuo e rivolto a tutti che, pur nella consapevolezza delle difficolta causate dal Covid, va letta l’affermazione del titolo “nessun paziente è rimasto indietro”, che non deve essere interpretata letteralmente ma come la presentazione di una realtà in cui la stragrande maggioranza dei pazienti non è stata abbandonata.

Mauro Boldrini

Direttore Comunicazione AIOM